HOME PAGE   
   CHI SIAMO   
CONTATTI
IDENTITA'
STORIA
STATUTO
BILANCI SOCIALI ED ECONOMICI
ORGANI SOCIALI
   COSA FACCIAMO   
PRIVACY GENERALE CELIVO
CARTA E DEPLIANT DEI SERVIZI
PROMOZIONE E COMUNICAZIONE
CONSULENZE
FORMAZIONE
STRUMENTI
ANIMAZIONE TERRITORIALE
RICERCA E DOCUMENTAZIONE
   DIVENTA VOLONTARIO   
   BANCA DATI   
   RIFORMA T.S.   
   AREA RISERVATA   
Newsletter
5 PER MILLE 2019
5 PER MILLE 2019
  • Enti già iscritti

    Gli enti  che sono presenti nell’elenco permanente degli iscritti non sono tenuti a trasmettere nuovamente la domanda telematica di iscrizione al 5 per mille per il 2019 e a inviare la dichiarazione sostitutiva alla competente amministrazione. Sono tenuti a verificare i propri dati nell’elenco sul sito dell’Agenzia delle Entrate “Elenco permanente” e a correggere eventuali errori o variazioni intervenute (ad es. il rappresentante legale) rilevati nei termini e con le modalità previste. Vedi Sito Agenzia delle entrate

     Enti non ancora iscritti

    Gli enti  che non sono iscritti (o che non figurano nell’ elenco permanente 2019 pubblicato sul sito dell’Agenzia delle Entrate)  potranno farlo entro il 7 maggio 2019.  Il consulente del Celivo è a disposizione delle organizzazioni di volontariato e delle associazioni di promozione sociali per l'invio telematico gratuito. Il modulo compilato va consegnato presso la sede del Celivo di Genova, entro e non oltre le ore 19  di giovedi 18 aprile 2019, allegando copia della carta d'identità del legale rappresentante.

    Nuovi enti “Scadenze”

     “Modelli e Istruzioni”

     L’Agenzia pubblicherà sul proprio sito gli elenchi provvisori entro il 14 maggio 2019, ed eventuali inesattezze andranno comunicate entro il 20 maggio alla direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate. Effettuati gli aggiornamenti, le liste corrette saranno pubblicate online entro il 25 maggio.

    I soggetti inseriti negli elenchi dovranno quindi inviare entro l’1 luglio 2019 la dichiarazione sostitutiva: gli enti del volontariato dovranno trasmetterla alla direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate competente per il proprio territorio, mentre le associazioni sportive dovranno inviarla all’ufficio del Coni.

    Per i ritardatari e per chi non invierà la documentazione corretta ci sarà però una seconda possibilità: entro il 30 settembre 2019 sarà ancora possibile presentare domanda di iscrizione o integrare la documentazione versando un importo di 250€ attraverso modello F24.

torna indietro